SCRIVERE UNA PUBBLICAZIONE GIURIDICA 3. DOVE?

   Se scrivete un bellissimo articolo ma nessuno lo legge, non è una pubblicazione, e non vi serve a niente. Se scrivete un bellissimo articolo e lo pubblicate sul vostro sito o su qualche Social Network lo avete sì pubblicato in modo che altri possano leggerlo, ma non vale come “pubblicazione”, perché a parte voi nessuno lo ha controllato prima di pubblicarlo. Un articolo vale come “pubblicazione” se è stato pubblicato su una rivista giuridica ufficiale, cioè registrata in un tribunale italiano come periodico e avente ad oggetto il diritto, diretta da un giurista. Prima di venire pubblicata su tale rivista il vostro articolo verrà letto e verificato da un esperto della materia, per accertare non solo che non diciate stupidaggini sull’argomento, ma anche che sia scritto in buon italiano, corretto stilisticamente e, sintetizzando, “pubblicabile”.


       In Italia le riviste giuridiche sono di due tipi, cartacee ed elettroniche. Quelle del primo tipo (ad es. “Il Foro Italiano”) sono quelle tradizionalmente più prestigiose, che pubblicano pochi articoli, ma di altissima qualità. Per avere una speranza di essere pubblicati lì dovreste essere docenti universitari, avvocati cassazionisti e un terzo titolo a scelta, per cui vi sconsiglio quella strada.

       

       Poi ci sono le riviste in formato elettronico (altalex, diritto.it, leggioggi.itetc.), che invece, proprio per la facilità di fruizione della rivista, pubblicano mensilmente centinaia e centinaia di articoli, e danno la possibilità anche ad autori sconosciuti di farsi leggere e conoscere. Esistono anche delle riviste di settore, che trattano solo della vostra materia preferita, badate solo che la rivista abbia i requisiti che ho detto prima, ossia che sia registrata in tribunale, che abbia ad oggetto il diritto, e che sia diretta da un giurista. Questi requisiti in realtà non sono richiesti dalla normativa professionale sui CF, ma da quella sui titoli per concorso a dottorato di ricerca, che mi sembrano un ottimo standard di riferimento.


     Ovvio che pubblicando centinaia di articoli ogni mese la qualità non sia sempre altissima, perché non può esserlo. Voi nel vostro piccolo cercate di alzare la media, scrivendo un articolo di ottima qualità. Per aumentare la probabilità di essere pubblicati inviate insieme all’articolo un vostro curriculum e una breve presentazione dell’articolo, magari un “abstract” che faccia capire a colpo d’occhio di cosa parlate.


     Naturalmente l’articolo andrà firmato. Se la rivista che vi ospita ve lo consente, l’ideale sarebbe firmare con un collegamento ipertestuale, in modo che cliccando sul vostro nome l’improbabile lettore si trovi collegato al vostro sito, al vostro profilo Linkedin, alla vostra mail o a quel che vi pare.


     Una volta pubblicato il vostro articolo aspettate a fare un sospiro di compiacimento, ma fate un po’ di “post-produzione”. Infatti anche la pubblicazione, nonostante il nome, ha bisogno di pubblicità. Postate il vostro articolo (un collegamento ipertestuale esatto al link) sul vostro sito e/o blog se ne avete uno, sul vostro profilo Linkedin e/o Facebook (magari entrambi), se siete al primo articolo potreste anche permettervi di fare una mailing list a parenti ed amici (del tipo “Leggi il mio primo articolo!”).


     Naturalmente segnatevi ben bene per conto vostro la pubblicazione, ai fini dei crediti formativi, concorsi etc. Per chi non lo sapesse una pubblicazione si segna con titolo, rivista, codice ISBN della rivista, data di uscita, link esatto (ossia l’intera riga www. etc.).


   Adesso potete fare un sorriso di autocompiacimento: siete diventati ufficialmente Autori!

 


 

        leggi gli altri post

 

Scrivi commento

Commenti: 0

Studio Chiricosta & Crea

P.zza Falcone e Borsellino 15

Piazza Armerina

94015 - Enna (EN)

tel/fax (+39)0935 684143

cell. 3336878516

-

si riceve su appuntamento